Occhio ai Miti

Posts Tagged ‘protesta

Il famoso ricercato politico

Il famoso ricercato politico

 Il personaggio moderno di cui intendo parlare oggi è il giornalista iracheno Muntadar Al Zaidi. Se alcuni di voi non ne hanno mai sentito parlare ciò è dovuto al fatto che il suo successo è stato totale, ma temporalmente molto breve.

Ma perchè è diventato famoso? Egli è il giornalista che ha lanciato il mocassino contro il presidente americano George W. Bush durante la sua ultima conferenza stampa in Iraq, lo scorso 14 dicembre. Per finire, ha coronato il gesto con la seguente frase: “Questo è il tuo regalo d’addio, cane”. Il gesto, per quanto discutibile, rappresenta tutto il malcontento dei suoi connazionali nei confronti della presenza americana.

A conferma di questa solidarietà, numerosi sono stati gli eventi che sono scaturiti dal suo gesto: a Tikrit, sempre in Iraq, era stata eretta una statua in onore del mocassino fatto brillare dalla sicurezza dopo il vile attenato; il produttore della celebre calzatura (modello Ducati 271) ha avuto un boom di ordinazioni e su internet impazzano giochi poco rispettosi in cui devi emulare l’affronto al presidente americano.

Muntadar Al Zaidi è stato nel frattempo processato per aggressione a capo di stato straniero in visita ufficiale , senza che gli venisse risparmiata una buona dose di botte per le quali ha perso un dente. La pena per chi si macchia di questo reato va dai 5 ai 15 anni di reclusione. Alla fine del processo ha avuto solo tre anni di pena, questo grazie all’abilità dei suoi avvocati che hanno facilmente convinto la corte che Bush non fosse in visita ufficiale visto che le sue truppe occupano il paese. Insomma il gesto da lui compiuto non è dei migliori, ma rispecchia con molta chiarezza quelli che sono i sentimenti di un intero popolo, che lo ha amato ed emulato subito.

Questo rappresenta uno spunto per riflettere su quello che accade…quindi perchè non parlarne?

Nel caso foste interessati vi lascio un link per il gioco sul web Sock and Awe! , inutile dire che il suo successo è globale, soprattutto negli Stati Uniti.